Dieci donne. Storia delle prime elettrici italiane (liberilibri 2012)

Marco Severini, Dieci donne. Storia delle prime elettrici italiane (liberilibri collana Altrove, 2012)

Dopo il successo editoriale di Piccolo, profondo Risorgimento nel 2011, arriva ora in libreria il nuovo libro di Marco Severini intitolato Dieci donne. Storia delle prime elettrici italiane. È il frutto di una ricerca storica in rosa, dedicata a dieci figure femminili dimenticate: le prime elettrici italiane, tutte marchigiane.

La vicenda parte da una sentenza del 25 luglio 1906 della Corte di appello di Ancona presieduta da Lodovico Mortara (insigne giurista e poi anche ministro della Giustizia), che accordò a dieci donne marchigiane il diritto di voto politico. “Sfortunatamente”, nei dieci mesi in cui restarono iscritte nelle liste elettorali dei relativi Comuni di residenza, Adele, Carola, Dina, Emilia, Enrica, Giulia, Giuseppina, Iginia, Luigia e Palmira – questi i loro nomi –  non ebbero modo di esercitare quel diritto (tra maggio 1906 e dicembre 1909 ci fu il ritorno al potere di Giovanni Giolitti col suo cosiddetto lungo ministero), e una successiva sentenza della Cassazione nel maggio 1907 lo annullò.

Oltre ad essere nate a Senigallia (tranne una, a Montemarciano), le dieci potenziali elettrici avevano molto in comune: un’età media di ventotto anni, un’estrazione sociale modesta, un brillante stato di servizio. Ad accomunarle anche un identico percorso professionale, fatto di lunghi e faticosi precariati, difficoltà, ingiustizie, stipendi troppo modesti. E pur estranee alla militanza politica, con tale conquista riuscirono a imprimere una svolta imprevista alla lotta per il suffragio e l’emancipazione femminile, culminata con l’accesso al voto alle donne in Italia, che come si sa avvenne solo quarant’anni dopo, nel 1946.

Severini, che insegna Storia dell’Italia contemporanea all’Università di Macerata, ricostruisce con rigorosa puntualità il contesto socio-politico dell’epoca, analizzando tutte le vicende che portarono a quella sentenza storica, e riportando a galla notizie biografiche e vicissitudini di queste dieci donne, coraggiose ma ricadute presto nell’anonimato.

Marco Severini (Senigallia 1965), insegna Storia dell’Italia contemporanea presso l’Università di Macerata. Presiede l’Associazione di Storia Contemporanea e dirige per l’editore Codex di Milano la collana “Storia Italiana”. È direttore della rivista «Storia delle Marche in età contemporanea». È autore di numerose pubblicazioni sulla storia contemporanea italiana. Tra le sue monografie: Armellini il moderato (1995), La rete dei notabili (1998), Protagonisti e controfigure (2002), Percorsi infranti (2004, 2006), Nenni il sovversivo (2007), Le storie degli altri (2008), La Repubblica romana del 1849 (2011) e Dizionario biografico del movimento repubblicano (2012). Per Liberilibri ha già pubblicato Piccolo, profondo Risorgimento (2011, 2012),

PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.
La Società Italiana delle Letterate (SIL), fondata nel 1995, è costituita da circa duecento scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni. Siamo tutte naturalmente appassionate di libri e di storie e in quanto letterate ci consideriamo innanzi tutto lettrici.

Ultimi post di SIL - SOCIETÀ DELLE LETTERATE (vedi tutti)

Categorie