“Una vita. Selma Meerbaum-Eisinger (1924-1942)”, di Francesca Paolino

in Consigli di lettura | Leave a comment

Una vita. Selma Meerbaum-Eisinger (1924-1942), di Francesca Paolino (Edizioni del Faro, 2013)

“Una vita può gettare ombre sulla luna”. Così scriveva in una poesia, durante il tempo del terrore nazi-fascista, la diciassettenne Selma Meerbaum-Eisinger qualche tempo prima di essere portata via su un treno merci verso le steppe desolate dell’Ucraina, dove trovò la morte, sfinita dal lavoro coatto e dalla detenzione in un Arbeitslager.
Miti e leggende da sempre associano l’immagine della luna con quella del regno dei morti. Questo mondo oscuro, del non-senso e dell’oblio, può essere messo in ombra da una luce molto più forte che è la vita dell’uomo. Basta una sola vita a condannare l’orrore, un solo sguardo luminoso sul mondo circostante a rianimare la desolazione. Non la rassegnazione del condannato, ma la sua voglia di continuare a gustare la bellezza e la libertà smaschera la barbarie travestita da giustizia propria di chi uccide. Basta la vita di un’adolescente che fino all’ultimo ha nutrito la volontà di ritrovare la casa da cui era stata strappata. Una vita. Un altro no alla violenza. Selma Meerbaum-Eisinger, poetessa nata a Czernowitz nel 1924, cugina di Paul Celan, nella sua breve esistenza, è un ulteriore esempio della forza e del coraggio della speranza.

Tagged , |

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>