"Poemi & Oggetti", di Giulia Niccolai

Giulia Niccolai, Poemi & Oggetti. Poesie complete, a cura di Milli Graffi (Le Lettere, 2012)

Ripenso spesso in questi tempi alla  domanda che poneva Hölderlin nell’elegia Pane e vino: “Perché i poeti nel tempo della povertà?”, laddove la povertà intesa non è soltanto quella materiale, ma il generale impoverimento morale e mentale.

Se c’è un poeta – una poeta – che vale la pena di ascoltare in un contesto come quello attuale, per ritrovare forse anche il registro semantico di “crisi” come “opportunità”, questa è GIULIA NICCOLAI.

Classe 1934, ha attraversato fieramente molti decenni, iniziando a guardare il mondo attraverso l’obiettivo di una macchina fotografica, poi rielaborandolo in scrittura, fino a quando negli anni 80 la sua poesia/vita l’ha portata ad una crisi dalla quale è rinata come monaca buddista. Ha continuato a scrivere, ma necessariamente in modo nuovo, più distaccato e insieme più concentrato. Ha pubblicato, a partire dalla fine degli anni 60, poesia, romanzi, racconti, saggistica.

I suoi testi poetici sono stati recentemente raccolti nel volume Poemi & Oggetti a cura di Milli Graffi.

Vi segnalo una recente “non-recensione” o se preferite divagazione critica che ho dedicato a Giulia Niccolai, pubblicata LE RETI DI DEDALUS, rivista on line del Sindacato Nazionale Scrittori, diretta da Marco Palladini. Link per leggere l’articolo:  http://www.retididedalus.it/Archivi/2013/gennaio/LUOGO_COMUNE/5_niccolai.htm

Tiziana Colusso

Vai al sito dell’editore

PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.
La Società Italiana delle Letterate (SIL), fondata nel 1995, è costituita da circa duecento scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni. Siamo tutte naturalmente appassionate di libri e di storie e in quanto letterate ci consideriamo innanzi tutto lettrici.

Ultimi post di SIL - SOCIETÀ DELLE LETTERATE (vedi tutti)

Categorie
0 Comments
One Ping
  1. […] Il tono è sempre diversificato. Spesso è colloquiale, mai destrutturato. Si rintracciano scintille di manierismo che richiamano la poesia americana narrativa e l’arte visiva: poesie come fotografie di Aleksandra Radonich o di Giulia Niccolai. […]

Rispondi a Vanno spegnendosi le luci. Jozefina Daubegović, la poesia, le corazze | Tropismi Annulla risposta