Retrospettiva dedicata a Margarethe von Trotta

ATT00001

LE DONNE DI MARGARETHE
Retrospettiva dedicata a Margarethe von Trotta
a cura di Pina Mandolfo e Heidi Sciacchitano
18 – 26 aprile 2015
Sala De Seta Cantieri Culturali alla Zisa
via Paolo Gili 4, 90138 Palermo
ingresso libero
Versione originale con sottotitoli in italiano
Info-Tel.: +39 091 6528680
roman.maruhn@palermo.goethe.org

Scarica qui il programma

La città di Palermo paga oggi un debito di riconoscenza nei confronti di una grande donna, artista coraggiosa, intellettuale intransigente. In oltre quaranta anni di attività, Margarethe von Trotta non ha mai ceduto alle seduzioni dell’industria cinematografica stereotipata e, forse, proprio questa cifra è ciò che la rende unica nel panorama cinematografico internazionale.

Il suo cinema è politico, nel senso più alto, non ideologico, né consolatorio: un lucido sguardo sul mondo, capace di trasmettere fascino ed emozioni reali. L’analisi della storia scava nel carattere dei suoi protagonisti, intrappolati in contraddizioni, ma pronti a slanci passionali e scelte radicali.
Non è un caso se l’universo che ha voluto raccontare sia costellato da donne: “eroine” irriducibili ai cliché di tanta parte della letteratura e della cinematografia a firma maschile, silhouette evanescenti e incongruenti.
Le donne di Margarethe sono costrette a indossare maschere, così come a disfarsene. La loro battaglia contro la società non è una dichiarazione narcisista, non nasce da puro egoismo, suggerisce una “via” femminile per ricomporre la realtà, nella speranza che l’azione produca mutamenti radicali in un mondo incapace di una salutare catarsi.
Margarethe von Trotta si è affacciata al cinema come attrice, diretta da Fassbinder e Schlöndorff. Ben presto il suo talento di narratrice ha dato vita a soggetti e sceneggiature per i film del marito Volker Schlöndorff. Passata alla regia, ha saputo in breve tempo imporsi tra i protagonisti del Nuovo Cinema Tedesco. I suoi primi film evidenziano già temi ricorrenti: il conflitto tra la sfera personale e pubblica, l’attenzione a personaggi femminili vittime di un sistema patriarcale asfittico, il cui antidoto sta nella sorellanza e nell’impegno civile.
In seguito, la sua analisi dell’universo femminile si amplia ulteriorimente, confrontandosi con grandi figure, spesso confinate ai margini della Storia (Hildegard von Bingen, Rosa Luxemburg, Hannah Arendt, o le protagoniste di Rosenstrasse). La sua carriera è costellata dai massimi riconoscimenti (Golden Globe, David di Donatello, Il Golden Camera tedesco, Il Leone d’oro a Venezia), ma sterminato è l’elenco dei premi che testimoniano l’apprezzamento del suo pubblico.
La rassegna Le donne di Margarethe intende onorare Margarethe von Trotta proponendo alcuni tra i suoi film più significativi, specie quelli immeritatamente disattesi dai circuiti distributivi italiani.
In quest’occasione, il Comune di Palermo conferirà alla regista tedesca la Cittadinanza onoraria, per l’impegno culturale e civile testimoniato – all’indomani delle stragi di mafia – con il pluripremiato film Il lungo silenzio.

Si ringraziano
Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale
IfCinéma / Institut Français Palermo
Circola nel Cinema Alice Guy
Rai Cinema
Studiocanal Hamburg
Cristina Fatta del Bosco
Tasca Conti d’Almerita
Antica Masseria Di Salvo
Consorzio di tutela della razza bovina Cinisara
In collaborazione con:
Comitato PiùdonnepiùPalermo e
Città di Palermo – Assessorato alla Cultura

PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.
La Società Italiana delle Letterate (SIL), fondata nel 1995, è costituita da circa duecento scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni. Siamo tutte naturalmente appassionate di libri e di storie e in quanto letterate ci consideriamo innanzi tutto lettrici.
Categorie