Il prezzo della bellezza. In ricordo di Yves Bonnefoy

È morto il 1 luglio a Parigi un grande maestro della poesia europea contemporanea, Yves Bonnefoy. Lo ricordiamo con alcune note.

 

Io ti offro questi versi, non perché il tuo nome

Possa mai fiorire in questo suolo povero,

Ma perché tentare di ricordarsi,

Sono fiori recisi, il che ha senso.

 

Certi dicono, persi nel loro sogno, «un fiore»,

Ma significa non sapere che le parole tagliano,

Se credono di designarlo, in quel che nominano,

Trasmutando ogni fiore in idea di fiore.

 

Tranciato il vero fiore diventa metafora,

Questa linfa che cola, è il tempo

Che finisce di liberarsi dal suo sogno.

 

Chi vuole avere, talvolta, la visita deve

Amare in un mazzo che abbia solo un’ora,

La bellezza non è offerta che a tal prezzo.

 

(Traduzione di Fabio Scotto)

da “Cancellare oltre”, in L’ora presente, Mondadori, Milano, 2015.

 

***

Je te donne ces vers, non parce que ton nom

Puisse jamais fleurir dans ce sol pauvre,

Mais parce que tenter de se souvenir,

Ce sont des fleurs coupées, ce qui a du sens.

 

D’aucuns disent, perdus dans leur rêve, «une fleur»,

Mais c’est ne pas savoir que les mots tranchent,

S’ils croient le désigner, dans ce qu’ils nomment,

Transmutant toute fleur en idée de fleur.

 

Cisaillée la vraie fleur se fait métaphore,

Cette sève qui coule, c’est le temps

Qui achève de se déprendre de son rêve.

 

Qui veut avoir, parfois, la visite se doit

D’aimer dans un bouquet qu’il n’ait qu’une heure,

La beauté n’est offrande qu’à ce prix.

 

da “Raturer outre”, in L’heure présente, Mercure de France, 2011.

 

In questa raccolta, uscita in Francia nel 2011 e tradotta in italiano da Fabio Scotto nel 2015, Bonnefoy propone il sonetto senza rima, forma non meno vincolante visto che lo induce a “Cancellare oltre”, come per forzare l’espressione dell’idea, per costringere il poeta a riformulare il tessuto linguistico, scartando una scrittura troppo fluida e accattivante. La coercizione, come Bonnefoy ha scritto, è stata necessaria a perforare gli strati di difesa, fornendo l’accesso ai ricordi che rimangono chiusi e inaccessibili, se non si trova un minimo passaggio.

Da molto tempo la ricerca di Bonnefoy si è sviluppata nella direzione dell’oltrepassare i confini tra le discipline, verso una scrittura poetica capace di accogliere i passaggi e le nervature che si innestano tra la ragione e le percezioni, coinvolgendo insieme il pensiero, i sensi, la materialità e il lato spirituale, per rendere la pienezza della parola immediata, evidente come presenza data. Seguendo, in questo percorso e innovando, la linea della tradizione francese, da Rimbaud, Mallarmé, Valéry, Breton, i surrealisti.

E’ una scelta rivolta ai poeti, ai lettori: fare della parola il luogo del possibile, del radicato, dove lo spazio per incontrare ancora lo stupore di fronte al frutto che matura, alla pietra che si mostra, all’acqua che scorre e fa da specchio, sia ricondotto al qui e ora, al presente da riguadagnare. Consapevoli che lo sguardo può ingannare, la percezione rimanda ad altro, “Gli occhi sono l’enigma del mondo” (p.79).

In molte interviste e in diversi saggi approfondisce la riflessione sul fare poesia, che ha segnato tutto il suo percorso poetico e di pensiero, in colloquio costante con gli artisti di varie epoche e nazioni, in un riscontro continuo tra immagine e parola. Per Bonnefoy, è strategico agire sulla lingua per forzarne l’ordine, significa intervenire in profondità sull’ordine stesso delle cose. Il suo taglio filosofico lo porta a interrogarsi sul rapporto tra parola e cosa, il tema mondo sensibile è centrale nella sua produzione, ancorato alla sua pregressa preparazione scientifica e filosofica. “Lo sguardo ordinario si posa sulle cose senza fermarsi. Il surrealismo ha avuto il merito di mettere in luce l’inconscio come fonte di poesia. La poesia restituisce alle cose e agli esseri viventi la profondità.”, ha dichiarato in numerose interviste.

Nel 2015, in occasione del conferimento del prestigioso Premio Internazionale Nonino, affermò in una intervista che lo sollecitava sui temi della violenza recentemente esplosa con gli attacchi terroristici in Francia: “non scrivo versi su quanto accaduto, perché la poesia sgorga da profondità inconsce e non da fatti contingenti. È insomma sempre un gesto del tutto imprevisto e imprevedibile. […] La poesia secondo me deve essere fatta per durare, ed è necessaria per dare unità ad elementi disparati, a fatti incoerenti, a situazioni difficili, anzi tragiche, quali sono quelle che viviamo oggi. […] La parola ci salverà, non vedo altre possibilità di uscire dal tunnel”. (www.succedeoggi.it/2015/01/parola-ci-salvera/)

In un saggio fondamentale contenuto in L’improbable et autres essais (1983), dal titolo “L’acte et le lieu de la poésie” Bonnefoy scrive: “Je voudrais réunir, je voudrais identifier presque la poésie et l’espoir”, (vorrei riunire, vorrei quasi identificare la poesia e la speranza*)ricordando tuttavia che esistono due tipi diversi di poesia e di speranza. Da una parte la poesia che si fonda sulla speranza menzognera di liberare l’oggetto dalla corruzione del tempo, della materia, per conservarne l’essenza intatta sul piano dell’idea, attraverso la mediazione della parola. Questa poesia che definisce divine è lontana dalla realtà che prevede il disfacimento dei corpi, la morte, e sembra illusoriamente instaurare un luogo incorruttibile ed eterno, attenuando nell’uomo l’angoscia del nulla. Ha la medesima funzione del “concetto”, che attraverso la fascinazione della parola costruisce mondi astratti, immutabili, solo espressioni della mente. “Mais je ne doute pas que la poésie moderne – la poésie sans les dieux – doive savoir ce qu’elle désire pour, en connaisance de cause, juger du pouvoir des mots.” (p. 109). (Ma non dubito che la poesia moderna – la poesia senza dei – debba sapere cosa desidera per, con consapevolezza, giudicare il potere delle parole) 

Ma l’esistenza concreta degli esseri umani è sotto il segno del caso e della corruzione dei corpi e degli oggetti, della finitudine, dello slancio e della passione immediati, imprevedibili. Allora una possibilità si apre nel frammento, nella casuale, imprevista congiunzione di comprensione profonda e di attimo, in cui lo scorrere del tempo sembra sospeso, un attimo di eternità, di chiarezza totale. “Le vrai lieu est donné par le hasard, mais au vrai lieu le hasard perdra son caractère d’enigme” (p. 130) (Il vero luogo è dato per caso, ma nel vero luogo il caso perderà il suo carattere di enigma)

È la presenza il dato che scardina, il momento di esperienza vissuto intensamente, non un artificio della mente ma una momentanea e imprevedibile esperienza che fa cogliere la realtà stessa della cosa, il divenire in atto, l’attimo di piena esistenza, che arriva par le hasard, ma diviene, nel momento stesso in cui si manifesta, luogo di comprensione.

E non possiamo non pensare ai “momenti d’essere” di Virginia Woolf.

“Lo sento, il colpo, ma non è più, come credevo da bambina, un colpo sferrato da un nemico  nascosto dietro l’ovatta della vita quotidiana; è o diventerà la rivelazione di un altro ordine; è il  segno di qualcosa di reale che si cela dietro le apparenze; e sono io che lo rendo reale                       esprimendolo in parole. Solo con l’esprimerlo in parole gli conferisco unità; e questa unità              significa che ha perduto il potere di farmi del male; mi dà una grande gioia, forse perché così            facendo tengo lontano il dolore, rimettere insieme i frammenti. Questo è forse il piacere più intenso che io conosca”.

(Virginia Woolf, Momenti di essere, traduzione di Adriana Bottini, La Tartaruga, 1993, p. 92)

Grande traduttore di Shakespeare, Keats, Donne, Yeats, Petrarca, dell’amato Leopardi a cui lo accomuna il senso della concretezza del mondo sensibile, la scelta di leggere la realtà nella sua durezza fuori da illusioni consolatorie, Yves Bonnefoy fu anche un attento osservatore della pratica della traduzione letteraria contemporanea e dell’ascolto, cui dedicò numerosi scritti.

Così l’arte, dalla pittura alla scultura, ha attraversato la sua produzione come critico, come luogo di confronto ricco con la poesia e la creazione. Da Picasso alla pittura del Quattrocento e Cinquecento italiane, Mantegna, Goya, poi Giacometti, Cezanne, molti grandi artisti sono gli interlocutori in questo colloquio continuo sul tema della creazione artistica, che ha accompagnato la sua riflessione sulla ricerca di un linguaggio e sull’espressività.

* le traduzioni, ove non altrimenti segnalate, sono a cura della redazione

Opere tradotte in italiano

 Un sogno fatto a Mantova, Sellerio, Palermo, 1979

L’Improbabile, Sellerio, Palermo,1982

Dizionario delle mitologie e delle religioni, Milano, Rizzoli, 1989

Nell’insidia della soglia, Einaudi, Torino, 1990

L’uva di Zeusi e altre favole, Jaca Book, Milano, 1997

Movimento e immobilità di Douve, Einaudi, Torino, 2000

Lo sguardo per iscritto. Saggi sull’arte del Novecento, Le Lettere, Firenze, 2000

Trattato sul pianista, Archinto, Milano, 2000

Quel che fu senza luce. Inizio e fine della neve, Einaudi, Torino, 2001

Il teatro dei bambini, San Marco dei Giustiniani, Genova, 2002

Osservazioni sullo sguardo. Picasso, Giacometti, Morandi, Donzelli, Roma, 2003

Seguendo un fuoco. Poesie scelte 1953-2001, Crocetti, Milano, 2003

Alberto Giacometti, Abscondita, Milano, 2004

Il disordine. Frammenti, San Marco dei Giustiniani, Genova, 2004

L’entroterra, Roma, Donzelli, Roma, 2004

La civiltà delle immagini. Pittori e poeti d’Italia, Donzelli, Roma, 2005

La comunità dei traduttori, Sellerio, Palermo, 2005

Ieri deserto regnante-Pietra scritta, Guanda, Parma, 2005

Goya, le pitture nere, Donzelli, Roma, 2006

L’alleanza tra la poesia e la musica, Archinto, Milano, 2010

Poesia e università, Manni Editori, Lecce, 2006

Terre intraviste, Edizioni del Leone, Venezia, 2006

Roma, 1630. L’orizzonte del primo barocco, Nino Aragno Editore, Torino, 2006

L’Opera poetica, a cura di Fabio Scotto, Arnoldo Mondadori Editore, I Meridiani, Milano, 2010

Rimbaud. Speranza e lucidità, Donzelli, Roma, 2010

L’ora presente, traduzione di Fabio Scotto, Mondadori, Milano, 2013

 

 

PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.
La Società Italiana delle Letterate (SIL), fondata nel 1995, è costituita da circa duecento scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni. Siamo tutte naturalmente appassionate di libri e di storie e in quanto letterate ci consideriamo innanzi tutto lettrici.

Ultimi post di SIL - SOCIETÀ DELLE LETTERATE (vedi tutti)

Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento