• XVII SEMINARIO ESTIVO RESIDENZIALE SIL: C/ATTIVE – IL DONO DELLA RABBIA (VITERBO, 5-7 GIUGNO 2020)

PARTECIPA ALLA VITA DELLA SIL

TI ISCRIVI PER LA PRIMA VOLTA? CLICCA E COMPILA IL MODULO DI ISCRIZIONE

ISCRIZIONE SIL
COMPILA SE TI ISCRIVI PER LA PRIMA VOLTA O DESIDERI MODIFICARE I TUOI DATI
COMPILA SE TI ISCRIVI PER LA PRIMA VOLTA O DESIDERI MODIFICARE I TUOI DATI
COMPILA SE TI ISCRIVI PER LA PRIMA VOLTA

DEVI VERSARE LA QUOTA? CLICCA PER PAGARE CON CARTA O BONIFICO

Le quote sociali sono:

  • Socia: € 40
  • Socia under 30: € 25
  • Quota di iscrizione SIL + abbonamento alla rivista “Leggendaria”: € 85 euro (valida fino al 31 marzo dell’anno successivo al pagamento della quota)

Puoi pagare la quota:

  • con bonifico bancario intestato a Società Italiana delle Letterate c/o Casa Internazionale delle Donne – via della Lungara, 19 (Roma)
    CONTO CORRENTE su Banca Etica
    IBAN IT30I0501803200000012310025 intestato a Società Italiana delle Letterate
    BIC/SWIFT CCRTIT2T84A
  • tramite Paypal con carta di credito o prepagata (+ € 3 di commissione).

SELEZIONA LA QUOTA:



IN EVIDENZA

LETTERATEMAGAZINE: RIVISTA ONLINE DELLA SIL


Scritture, politiche, culture delle donne. E non solo. Alla ricerca di parole, linguaggi, narrazioni che interpretino e raccontino cambiamenti e spostamenti in corso. Nello scambio tra lettrici, autrici e autori – e personagge.

REDAZIONE: Silvia Neonato (direttrice), Giulia Caminito, Laura Marzi, Loredana Magazzeni, Gisella Modica, Gabriella Musetti

ALTRE MODERNITÀ: RIVISTA DI STUDI CULTURALI E LETTERARI

Dal giugno 2014 Altre Modernità. Rivista di studi letterari e culturali dell’Università degli Studi di Milano ospita un contributo semestrale della SIL dedicato alla ricerca interdisciplinare sulla scrittura delle donne. L’inserto SIL per Altre Modernità è a cura di Serena Guarracino.

NEL NUOVO NUMERO (n. 22 del 2019)

Disrespected Literatures: Histories and Reversal of Linguistic Oppression

Autrici: Francesca Maffioli e Sara Positano

  • Amelia Rosselli e l’écriture féminine di Francesca Maffioli
  • Lo spazio della scrittura di Sara Positano (Rilettura degli atti del convegno “Lo spazio della scrittura. Letterature comparate al femminile”, 2002)

La Società delle Letterate ha la sua sede presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma. È stata fondata nel 1995 – e nello stesso anno presentata ufficialmente al Salone del Libro di Torino – per iniziativa di Liana Borghi e Annamaria Crispino, che hanno raccolto l’adesione di un gruppo di donne impegnate a vario titolo nella letteratura. La SIL è costituita da scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni tutte naturalmente appassionate di libri e di storie e in quanto letterate innanzi tutto lettrici. La SIL produce, diffonde e trasmette i saperi femminili dei quali la letteratura – intesa appunto nel suo doppio senso di pratica di scrittura e di lettura – è strumento privilegiato ma non unico. E infatti anche altre forme del narrare ci interessano: teatrale, cinematografica, il lavoro poetico e la scrittura di testi multimediali, ogni forma di scrittura insomma di cui le donne sono protagoniste. Collabora con associazioni e riviste che in Italia o all’estero operano nello stesso ambito quali Leggendaria, Leggere Donna e Mezzocielo, Il Giardino dei Ciliegi oltre al LetterateMagazine. Inoltre organizza convegni, seminari ciclici e tematici, laboratori residenziali, corsi di formazione, gruppi di lavoro interdisciplinari e interculturali.

VOLUMI DEI CONVEGNI E DEI SEMINARI SIL

Alcuni libri da Convegni o Seminari SIL sono liberamente scaricabili dal sito come quelli della Collana Mnemosine, progetto di Laura Fortini e Giuliana Misserville, o gli atti del Convegno Scritture di donne fra letteratura e giornalismo (Bari 2007)

BIBLIOGRAFIA SIL 1996-2014 A CURA DI SERENA GUARRACINO
ALTRE MODERNITÀ (N. 11/2014)

TERRE E PAROLE. DONNE RISCRIVONO PAESAGGI VIOLATI 
L’AQUILA 2013

SCRITTURE DI DONNE FRA LETTERATURA E GIORNALISMO 
BARI 2007

S/OGGETTI IMMAGINARI. LETTERATURE COMPARATE AL FEMMINILE 
FIRENZE 1995 – CONVEGNO DI FONDAZIONE

La collana Workshop (iacobellieditore) raccoglie molti saggi nati da Convegni e Seminari SIL ed è curata da Anna Maria Crispino, socia fondatrice della SIL e direttora di Leggendaria.

MAPPA DEL SITO

Foto di Francesca Tilio

Francesca nasce a Jesi nel 1975. Scopre il fascino della recitazione da adolescente e si dedica al teatro per anni come attrice, fino all’esperienza come autrice e regista dello spettacolo multimediale “About Tom Waits” del 2007. Da quel momento la suggestione della rappresentazione teatrale per immagini la conduce all’incontro con la fotografia. La macchina fotografica diviene così il mezzo per nuove possibilità artistico-espressive che Francesca rivolge all’indagine dell’animo femminile e che affronta coniugando la sua esperienza teatrale e la sensibilità formale sviluppata come graphic designer (dopo aver frequentato il Centro Sperimentale di Design di Ancona, lavora nel mondo della comunicazione dal 1997). A partire dal 2008 i suoi lavori iniziano a essere esposti in mostre e pubblicati nel web e in televisione. Dopo l’esordio all’Exhibition Art Gallery di Fano con la mostra personale “delle mie brame” nel 2008, si fa notare con le foto della serie “Bambole Urbane” che viene anche pubblicata nella sezione dedicata all’arte di Repubblica on line. Nel 2009 espone alla Viewfinder Photo Gallery di Londra con la mostra personale “Les Bonnes” (serie ispirata all’omonima opera teatrale di Genet). Nel novembre 2010 una giuria prestigiosa la decreta vincitrice del premio Camera d’Oro a Lens Based Art Show di Torino con il progetto di autoritratti “ME²” e la performance con parrucche per sole donne. Nel 2012, con la danzatrice Francesca Gironi, dà vita alle performance “The girl is missing // I don’t know who I am” e “Love Talk“ che esibiscono in rassegne e festival nazionali. Nel 2013 collabora con l’AMAT per Transparent Boundaries, progetto culturale internazionale all’interno della quale ritrae, in una visione tutta personale, gli anziani in balera. Holiday viene selezionato per la terza edizione della vetrina nazionale Marche Centro d’Arte Contemporanea a San Benedetto del Tronto. Al Si Fest Off 2013 debutta con il Pink Project, il suo lavoro più personale. Ne parlano le grandi testate italiane. Pink Project sostiene la campagna nastro rosa della LILT 2014 (lega Italiana Lotta ai Tumori) ed è mostra itinerante per la raccolta fondi a favore della lotta al cancro al seno. Nel 2015 esce il suo primo libro per Habanero edizioni, Le femmine sono numeri dispari, 9 racconti x 9 pezzi musicali x 9 fotografie scattate da lei. Cura sceneggiatura, soggetto e scenografia del videoclip Disaffection degli Interiors, finalista al Cortinametraggio 2017.

+ VAI AL SITO

PASSAPAROLA: FacebooktwitterpinterestFacebooktwitterpinterest GRAZIE ♥