Zaccaria Paola

PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail

Docente di Culture letterarie e visuali anglo-americane presso l’Università di Bari. Geneticamente femminista, è stata socia fondatrice e Presidente SIL (2000-2003), oltre che ideatrice e responsabile del progetto che ha portato alla costruzione di un “Archivio di genere” all’interno dell’Università di Bari (https://www.facebook.com). Scrive interpellata da poetiche politiche contaminate, muovendosi sui confini tra Border , Diaspora, Decolonial e Visual Studies, attenta alle pratiche di interculturalità e transculturazione, sempre in un’ottica di genere, in direzione antirazzista, antisegregazionista e no border-wall (dal volume di geocritica del 1999 Mappe senza frontiere, ai saggi sul Trans-MediterrAtlantico e su interculturalità e ospitalità). Ricercatrice attivista e attraversatrice di movimenti, ideatrice e coordinatrice del progetto internazionale “S/Murare il Mediteraneo. Pratiche locali, nazionali e transfrontalieri di artivismo transculturale, per una politica e poetica dell’ospitalità e mobilità” (2009-presente. Blog: smuraremediterraneo.wordpress.com), ha contribuito a introdurre in Italia il pensiero critico su frontiere e migrazioni traducendo nel 2000 Terre di confine/La Frontera, di Gloria Anzaldúa, opera di riferimento per le teorizzazioni e analisi su transcultura, traduzione, creolizzazioni espresse in saggi in italiano, inglese, francese e spagnolo su artivismo, neo-colonialismi, poetiche e pratiche di decolonizzazione e deterritorializzazione dell’immaginario. Tra i più recenti, “Mediterranean Borderization, or deterritorializing Mediterranean space”, 2012; “Mappe dipinte, mappe narrate: esercizi di deterritorializzazione dell’immaginario”, 2014; “TransMediterrAtlantic Embodied Archives”, 2015; “Mediterraneo liquido. Per un pensiero critico decoloniale”, nel volume collettivo S/Murare il Mediterraneo, 2016. Link: https://uniba-it.academia.edu/PaolaZaccaria ; smuraremediterraneo.wordpress.com). In luglio è stato ri-editato il volume “La lingua che ospita. Poetiche, politiche, traduzioni”, Meltemi 2017, con un lungo nuovo capitolo introduttivo: Mobilità, ospitalità, poetiche e traduzioni.

PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail
PUOI SEGUIRE LA SIL SU: FacebooktwitteryoutubeFacebooktwitteryoutube
Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento