Un sogno che si avvera: il nuovo Centro Donna di Genova

casa delle donne genova

È un sogno che si comincia ad avverare quello del nuovo Centro Donna di Genova appena inaugurato nel centro storico, in via Mascherona 21. Sono due belle stanze con i servizi affacciate sulla strada e gestite dalla Rete di Donne per la Politica (guardate su face book per maggiori informazioni) di cui fa parte, insieme a una dozzina di altre associazioni, anche la Società italiana delle Letterate. Confinanti con il Centro Antiviolenza operativo da tempo, i due locali sono stati assegnati alla Rete che si è aggiudicata il bando municipale destinato a realtà promotrici, a vario titolo, di azioni, progetti e politiche rivolte al mondo femminile. Qui si discuterà di consultori e di politiche di genere, si leggeranno libri e se ne presenteranno, si parlerà di lavoro e di nuovi progetti. Certo è che senza la disponibilità del Municipio Centro Est e la Consulta delle donne elette nel Municipio stesso, le sette associazioni che si sono aggiudicate il bando – Marea, Sil, Archinaute, Generazioni di donne, Udi 25 novembre, Udi Biblioteca Margherita Ferro e Laboratorio politico di donne – non avrebbero realizzato questo progetto inseguito per anni.

“Con l’assegnazione del centro alla Rete spiega Paola Ravera, assessora alle Politiche di genere del Municipio Centro Est – diamo una nuova opportunità a tutte le associazioni che si occupano di temi e problemi delle donne di mettersi in rete e di aprirsi al territorio”. Aggiunge Maria Carla Italia, assessora al Patrimonio: “Si erano liberati i locali municipali di via Mascherona, accanto al centro antiviolenza e non ci siamo lasciate sfuggire l’occasione per rafforzare la vocazione identitaria di questo luogo, come espressione e simbolo delle politiche di genere. Per questo abbiamo vincolato il bando a progetti legati al mondo femminile e siamo contente che a vincere sia stata una rete di associazioni già attive e inserite nel tessuto genovese”.

Ha scritto la Rete di Donne per la Politica nel proprio comunicato stampa: “Con l’affidamento dei locali di Via Mascherona 21 si comincia ad avverare un sogno che da tempo, come donne genovesi impegnate sulle politiche di genere, teniamo nel cassetto: creare un luogo accogliente, dove le donne si sentano a loro agio. Ci aiuterà la posizione su piano strada dei locali, a fianco della facoltà di Architettura.  Le associazioni che costituiscono la Rete hanno tra le proprie finalità comuni  il contrasto agli stereotipi di genere, alla violenza multiforme verso le donne, il superamento delle discriminazioni  basate su genere od orientamento sessuale, e del gap di  presenza del genere femminile nei luoghi decisionali,  promuovendo pratiche e cultura  delle donne. Fra le intenzioni costitutive rientrano inoltre il dialogo ed il confronto con le Istituzioni per contribuire e concordare politiche di genere. Progettiamo  un’isola felice aperta a tutte, accogliente dei diversi progetti e competenze che arricchiscono il nostro genere, che favorisca conoscenze e collaborazioni, momenti culturali e ludici, consapevolezza ed occasioni di sviluppo di diritti ed opportunità. Grazie alla collaborazione con la Consulta delle donne elette del Municipio Centro Est riusciamo a fare un passo in avanti verso un progetto più ampio, cioè quello di una Casa delle Donne come quella di Milano, di cui questo Centro è il germe che speriamo cresca e diventi pianta grande e forte, supporto dei talenti delle donne, nella tradizione dell’incubatrice Genova”.

Eva Ferrara, presidente della Consulta delle Elette del Municipio, ha un sogno in più riguardo al centro: “”Spero che sia un luogo di libertà femminile, aperto e ospitale, senza discriminazioni di genere, dove anche gli uomini possano portare il loro contributo per pensare e agire una società migliore”.

Ora non resta che lavorare ed acquistare alcune seggiole. Tavoli, luci e persino le piante e i fiori ci sono già. Dovremo presto trovare anche una libreria.

Silvia Neonato

PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.
La Società Italiana delle Letterate (SIL), fondata nel 1995, è costituita da circa duecento scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni. Siamo tutte naturalmente appassionate di libri e di storie e in quanto letterate ci consideriamo innanzi tutto lettrici.

Ultimi post di SIL - SOCIETÀ DELLE LETTERATE (vedi tutti)

Categorie