Emigranti nel cuore dell'Europa

PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail

L’Espagnole, che dà il titolo al libro di Raffaella Greco Tonegutti, è Madame Isabel, una vedova emigrata in Belgio dalla Spagna di Franco e che affitta camere nella grande casa dove vive.  Attorno a lei ruotano  personaggi di giovani europei che, per ragioni di studio o di lavoro, si trovano a Bruxelles. C’è lo spagnolo Simon, sempre alla ricerca di nuove conquiste femminili, Ana la loca, una portoghese dal carattere irascibile, Aspasia la greca, sempre distratta e con una vita sentimentale ingarbugliata. E poi arriva Maddalena, la protagonista del romanzo, in fuga dall’Italia e da un amore finito male.

Maddalena studia storia ed è venuta in Belgio per fare una ricerca sui minatori immigrati nelle Fiandre a metà dell’Ottocento. Tra lei e Madame Isabel nasce un affetto profondo, fatto di tanti piccoli gesti amorosi: i capelli ricci di Maddalena sbrogliati e pettinati da Isabel, le cene che a turno preparano e consumano insieme, ma, soprattutto, l’ascolto dei ricordi  dell’anziana affittacamere, da poco rimasta vedova dell’amatissimo Pablo, della loro vita durissima di antifascisti in Spagna ai tempi del Franchismo e della vita diversamente dura nelle Fiandre, dove Pablo è venuto a lavorare come minatore.

La Storia con la S maiuscola che Maddalena è venuta a studiare, si intreccia con una storia di vita dalla quale resta coinvolta non solo intellettualmente, una storia che rimanda, nella sua concretezza, alle tante altre storie di tanti altri emigranti che si muovevano in un’Europa ancora segnata da rigidi confini. Altri personaggi irrompono poi sulla scena: Alex il fotografo, molto attratto da Maddalena e del quale lei pian piano si innamora, l’amica Sara, che lavora anche lei all’Archivio ed altri. Ad Alex che la rimprovera di essersi fissata sulla storia di Isabel e Pablo, Maddalena risponde: «Sto solo cercando di restituire loro la dignità che meritano. La storia di Isabel e Pablo, delle migliaia di Isabel e Pablo Garcia, non la trovi scritta in nessun libro, e non mi sembra giusto».

La cucina di Madame Isabel, dove vengono preparati e consumati i piatti gustosi  di Portullano, la città di origine di Isabel, ma anche occasionalmente cibo greco o italiano, è un luogo simbolico dove si incontrano, sfiorandosi o intrecciandosi, le vite dei personaggi: quelle attuali e presenti dei giovani che a partire da quella casa, stanno vivendo un pezzo della loro vita, quella di Pablo continuamente evocata da Isabel, quella appena accennata di Maddalena in Italia, prima della sua partenza. Anche la città, Bruxelles, è un luogo simbolico, dove i giovani europei approdano valicando frontiere sempre meno visibili e si trovano a vivere con disinvoltura in un ambiente multiculturale che li accoglie senza problemi.

Altra storia è stata quella di Isabel e Pablo e dei molti altri come loro che quelle frontiere hanno valicato con fatica. Lo descrive con vivezza Madame Isabel: giorni e giorni di viaggio, dai Paesi Baschi la frontiera con la Francia era un lungo tunnel che hanno dovuto percorrere a piedi, con le valigie e i bambini che piangevano, per prendere di corsa il treno per Parigi, e di lì a Liegi e di lì ancora a Genk, la città mineraria che era la loro destinazione. Un viaggio che ne evoca altri, non appartenenti al passato, ma a un presente duro per chi vuole penetrare la cittadella europea, del lavoro, della fatica, del benessere sognato e dei privilegi chiusi a doppia mandata.

L’Espagnole è il libro di esordio di una scrittrice poco più che trentenne. Un libro che riesce a combinare bene un contenuto impegnativo con uno stile agile, fatto di dialoghi incalzanti, racconti di vita densi e leggerezze improvvise. Una bella sorpresa da parte di Raffaella Greco Tonegutti che di mestiere fa la consulente per l’Unione Europea, viaggia moltissimo soprattutto in Africa, e deve conciliare tutto questo con la sua vita familiare, un dolce marito brasiliano e uno splendido bambino.

 

Raffaella Greco Tonegutti L’EspagnoleEditori Riuniti Roma 2013, 12,50 euro  220 pagine

PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail
PUOI SEGUIRE LA SIL SU: FacebooktwitteryoutubeFacebooktwitteryoutube
Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento