Giosetta Fioroni ricorda “Acephale” e il mondo di George Bataille