E Jane lo ha sposato

di Maristella Lippolis

In occasione della ricorrenza  del duecentesimo compleanno di Charlotte Bronte, la scrittrice  Tracy Chevalier ha chiesto alle migliori autrici di lingua inglese di scrivere un racconto ispirato alla celebre battuta che apre il capitolo conclusivo del romanzo Jane Eyre: L’ho sposato lettore mio.

Quella semplice frase arriva alla fine di un percorso travagliato durante il quale la giovane Jane da orfana derelitta e abbandonata diventa una donna in grado di prendere nelle mani il proprio destino e di determinarlo. E non si tratta di una semplice sfumatura linguistica, ci dice Tracy Chevalier,  ma di un espediente con cui Charlotte Bronte rimarca l’avvenuto capovolgimento della consapevolezza di sé della sua eroina.

Il tempo e la condizione sociale delle donne nella maschilista società vittoriana avrebbero dovuto far pronunciare a Jane Eyre un “Mi ha sposata”, o al massimo “Ci siamo sposati”; ma la scrittrice, allora trentenne, aveva dato vita a un’ autentica personaggia, capace di opporsi ai desideri di Mr. Rochester e rinunciare al sogno d’amore. Una giovane ragazza in grado di pronunciare un’altra frase celebre: “ Non sono un uccello, e nessuna rete potrà intrappolarmi, sono un essere umano libero con una mia volontà”.

Senza alcun dubbio una personaggia del tutto nuova nel panorama della letteratura e della vita materiale delle donne del suo tempo. L’intento di Tracy Chevalier però non è solo quello di celebrare il genio di Charlotte Bronte ma anche di rivisitare quella semplice frase a partire dalle suggestioni che è ancora oggi capace di suscitare, e il risultato è davvero interessante.

Le ventuno scrittrici hanno inventato storie molto diverse tra loro: qualcuna si è allontanata da Jane Eyre utilizzando il romanzo come pretesto, altre hanno collocato i racconti nel nostro presente; altre invece hanno scavato dentro la storia che ben conosciamo attraverso punti di vista imprevisti, come quello di Grace Pool, la “carceriera” di Bertha, o dello stesso Mr Rochester , nel racconto di Salley Vickers “Lei mi ha sposato, lettore mio”, che propone un singolare ribaltamento dei ruoli.

D’altronde non è la prima volta che il romanzo Jane Eyre diventa pretesto e punto di avvio e di incontro per nuove storie.

Penso a “Il grande mare dei sargassi”, di Jean Rhys, la cui protagonista altri non è che Bertha e il racconto della sua tragica vicenda.  In questo romanzo infatti il giovane e spregiudicato Rochester la sposa in Giamaica per puro calcolo economico, e il suo disamore la conduce alla follia culminata con lo sradicamento dalla sua terra piena di colori e di luce; alla fine la ritroviamo rinchiusa nel tetro castello inglese, in cui si aggira di notte e provoca il fatale incendio raccontato da Charlotte Bronte.

Di recente poi ho scoperto il romanzo Il Caso Jane Eyre di Jasper Fforde. Lo scrittore inglese ha inventato una fantastica storia ambientata in uno spazio/tempo in cui i crimini più gravi sono quelli letterari e dove è possibile entrare ed uscire dai romanzi; la sua eroina è una detective specializzata nella  soluzione di questo genere di misfatti, e si trova a dover risolvere il caso della sparizione del manoscritto originale del romanzo di Bronte e del rapimento di Jane Eyre da parte di un losco soggetto che traffica in furti letterari.

La trama è troppo complicata (e anche esilarante)  per poterla riassumere in poche righe, ma vi basterà sapere che nel manoscritto originale la storia si concludeva con la partenza per le Indie di Jane insieme al  non amato cugino, ma, grazie all’intervento della detective, Jane non solo verrà liberata ma anche convinta a ripensarci e a tornare da Rochester, stavolta dettando le condizioni e arrivando al decisivo finale “L’ho sposato, lettore mio”.

Tracy Chevalier, a cura di, L’ho sposato, lettore mio. Sulle tracce di Charlotte Bronte, traduzione di A. Zaini, Neri Pozza, 2016. pagine 300, euro 18. Racconti di: Tracy Chevalier, Tessa Hadley, Sarah Hall, Helen Dunmore, Kirsty Gunn, Joanna Briscoe, Jane Gardam, Emma Donoghue, Susan Hill, Francine Prose, Elif Shafak, Evie Wyld, Patricia Park, Salley Vickers, Nadifa Mohamed, Esther Freud, Linda Grant, Lionel Shriver, Audrey Niffenegger, Namwali Serpell, Elizabeth McCracken

Forde Jasper, Il caso Jane Eyre, traduzione di E. Bussolo e D. A. Gewurz, Marcos& Marcos 2006 378 pagine, 17 euro

 

PASSAPAROLA: Facebooktwittergoogle_pluspinterestFacebooktwittergoogle_pluspinterest GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.
La rivista della SIL si occupa di scritture, politiche, culture delle donne. E non solo. Alla ricerca di parole, linguaggi, narrazioni che interpretino e raccontino cambiamenti e spostamenti in corso. Nello scambio tra lettrici, autrici e autori – e personagge. Dal 2017 sul sito www.letteratemagazine.it Redazione Barbara Bonomi Romagnoli, Laura Marzi, Gisella Modica, Gabriella Musetti, Silvia Neonato. Direttora Bia Sarasini.

Ultimi post di LETTERATEMAGAZINE (vedi tutti)

Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento