Donne imperfette

PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail

4090033È possibile conoscere la mente di una persona in modo intimo, viscerale, completo? No, specialmente se è una donna e specialmente all’interno del matrimonio. È questo il tema centrale di L’amore bugiardo dell’americana Gillian Flynn. Nick e Amy si trasferiscono da New York al Missouri quando lui perde il lavoro. Un giorno Nick torna a casa e la moglie è scomparsa. Forse uccisa. Nick diventa il primo sospettato della polizia e il racconto si dipana grazie a due prospettive: il diario che Amy ha scritto da quando ha incontrato il coniuge e i racconti di lui nelle settimane successive al giorno fatale.

Flynn riesce a rappresentare il punto di vista della donna e dell’uomo in maniera ugualmente efficace, facendoci conoscere le meschinità di lui e la doppiezza di lei. I suoi personaggi femminili (era successo anche nei precedenti Sulla pelle e Nei luoghi oscuri) non sono eroine, né principesse, né campionesse di moralità e compassione. Anzi, spesso vincono sui personaggi maschili per depravazione e cattiveria. Flynn è misogina, hanno sentenziato alcuni critici. Ma il femminismo in letteratura consiste nel creare donne perfette o vittime all’insegna del politicamente corretto?

Nel riconoscere che anche noi abbiamo un lato oDonnescuro, l’autrice sconfigge piuttosto stereotipi culturali e letterari antichi e, a mio parere, propone una propria idea di femminismo.

Gillian Flynn, L’amore bugiardo, traduzione di F. Graziosi e I. ZaniRizzoli Milano 2013, 462 pagine, 18 euro

Nei luoghi oscuri,  traduzione di Barbara Murgia, Piemme Milano 2010,

Sulla Pelle,  traduzione di Barbara Murgia, Piemme Milano 2008,  316 pagine, 16,90 euro

 

 

 

PUOI SEGUIRE LA SIL SU: FacebooktwitteryoutubeFacebooktwitteryoutube
PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail
Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento