Odissea di gruppo

zanetti-copertinaDopo Stop movie,  romanzo di esordio di Cristina Zanetti,  arriva in libreria questa sua seconda interessante  Odissea, così come lo stesso titolo ci suggerisce. Classe 1953,  Zanetti è scrittrice, ma prima ancora videomaker, musicista, blogger, senza mai prescindere dalla militanza politica femminista, così  come le protagoniste dei suoi racconti.  Tanto che il primo dei suoi romanzi prende spunto dalla realtà vissuta a Bologna dalle protagoniste  e si intreccia con quella di una comunità lesbica impegnata nella realizzazione del noto Festival Internazionale del Cinema Lesbico Immaginaria.
Anche in questo suo secondo romanzo la vita della protagonista è intrecciata al “gruppo”. C’è Marina con la sua forza vitale, il suo rigore intellettuale e pratico, la sua tenacia e il suo coraggio nel vivere.  Attorno a lei le altre donne. Un dono della pratica politica di una generazione che, forse, è in via di estinzione. Così la malattia, che irrompe improvvisa e inaspettata nella vita di Marina ne è il sintomo. La malattia diventa comune al gruppo e in quanto tale, forse, più facile da attaccare.  E se da un lato è percepita come immeritata per chi ha tanto dato nelle lotte, l’ impegno politico, la forza vitale generosamente messa al servizio della “causa”, dall’altro è una ulteriore prova da affrontare con la stessa energia e il coraggio di sempre.
Al di là di ogni possibile compatimento verso la sua protagonista,  Zanetti intreccia sapientemente storie nella storia, così che il “gruppo”,  le vite di altri e altre protagonisti/e conferiscono alla lettura quella caratteristica che conduce chi legge a procedere nell’esercizio della curiosità.  Odissea del nostro tempo, o meglio del tempo delle donne che forse volge al termine, donne  protagoniste di una storia “altra” di cui l’autrice è testimone e protagonista essa  stessa.
Per questo finale di partita di una generazione,  Zanetti sceglie una cifra narrativa tragicomica, forse l’unica possibile,  per un esito imprevisto.

*

Cristina Zanetti, Odissea. Cronache d’incoscienza e di vita estrema, Cicero editore, Venezia, maggio 2014, pp. 286, euro 16.

PASSAPAROLA: FacebooktwitterpinterestFacebooktwitterpinterest GRAZIE ♥
The following two tabs change content below.
La Società Italiana delle Letterate (SIL), fondata nel 1995, è costituita da circa duecento scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni. Siamo tutte naturalmente appassionate di libri e di storie e in quanto letterate ci consideriamo innanzi tutto lettrici.
Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.