CHIARA GUIDA

PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail

CHIARA GUIDA

Motivazioni
Sono legata alle attività della Società Italiana delle Letterate da diversi anni. L’associazione è stata ed è ancora un punto di riferimento per la mia formazione. Gli incroci sono stati molteplici, alcuni fondamentali, come la collaborazione con Alina Narciso al progetto culturale della “Scrittura della differenza” negli anni della sua presenza nel direttivo SIL. Ho partecipato ai convegni nazionali e quelli tenuti a Napoli, la mia città. Ho costruito negli anni forti legami di amicizia e di stima con diverse socie con cui insieme abbiamo sempre cercato di alimentare la ricchezza delle nostre relazioni. In questo senso il portato più significativo è l’eredità che mi è stata assegnata da una madrina storica della rivista Leggendaria, la quale, a testimonianza del passaggio generazionale che si è realizzato tra noi, mi ha donato i primi 100 numeri della rivista. Dunque, la mia candidatura va in questo senso: mettere a disposizione dell’associazione il mio percorso, e fare della mia eventuale presenza nel direttivo un tappa importante della mia esperienza, da mettere in relazione con le altre.

Madrine
Alina Narciso e Serena Guarracino

Profilo
Chiara Guida, nata nel 1978, si forma a Napoli, città in cui tutt’ora vive. Studiosa (precaria) di storia contemporanea, si occupa principalmente di storia e politica delle donne. È impegnata da molti anni nell’associazionismo e nel volontariato e ha ricoperto diversi
incarichi istituzionali, anche in commissioni di pari opportunità. Ha diretto e coordinato molteplici iniziative culturali. Per diverse edizioni è stata coordinatrice nazionale del premio di drammaturgia femminile internazionale “La scrittura della differenza” e responsabile editoriale della casa editrice “Metec Alegre”.
Attiva da sempre nel movimento delle donne di Napoli, collabora al comitato per la difesa della legge 194. Ha lavorato come esperta della metodologia “retravailler” a progetti di orientamento e reinserimento nel mondo del lavoro di donne vittime di violenza, presso varie associazioni e sportelli antiviolenza.

È autrice di articoli e saggi sulle tematiche di genere con particolare riferimento alla precarietà giovanile e femminile. Ha conseguito il premio nazionale di scrittura femminile “Il paese delle donne” per l’edizione 2014 con la tesi di laurea: “Due protagoniste della storia dell’Argentina contemporanea, Eva Perón e Cristina Kirchner”.
È
promotrice e responsabile del progetto culturale “Collettivo 105”, una denominazione provvisoria, in attesa della costituenda associazione. 105 è la somma degli anni di due donne, una di 70 anni e l’altra di 35: due storie, due percorsi che si incontrano. Il progetto
nasce con la donazione dei primi cento numeri della rivista Leggendaria e in seguito di un fondo privato comprendente circa 500/600 volumi, più di 300 tra riviste e pubblicazioni varie e documenti d’archivio (lettere, interventi , inviti , flyers, fotografie e video) che costituiranno il primo nucleo di una biblioteca privata informatizzata e aperta a chiunque voglia approfondire i temi della storia delle donne e del movimento femminista.

 

PASSAPAROLA:
FacebooktwitterpinterestlinkedinmailFacebooktwitterpinterestlinkedinmail
PUOI SEGUIRE LA SIL SU: FacebooktwitteryoutubeFacebooktwitteryoutube
Categorie
0 Comments
0 Pings & Trackbacks

Lascia un commento